Home / Spiritualità e formazione

 CHI SEI TU, 
 MARIA? 
             SEGUIRE E IMITARE 
 MARIA 
             PREGHIERE               INTENZIONI DI 
 PREGHIERIA M.I. 



“Chi sei, o Signora?
Chi sei, o Immacolata?
Io non sono in grado di approfondire ciò che significa essere “creatura di Dio”.
Sorpassa già le mie forze il comprendere quel che vuol dire essere “figlio adottivo di Dio”.
Ma tu, o Immacolata, chi sei?
Non sei soltanto creatura, non sei soltanto figlia adottiva, ma sei madre di Dio e non sei Madre soltanto adottiva, ma vera Madre di Dio”.
(SK 1226)

Dopo aver ricordato due testimoni di questa spiritualità – S. Luigi Maria Grignon de Monfort e S. Alfonso Maria dé Liguori – Giovanni Paolo II rileva come “anche ai nostri giorni non manchino nuove manifestazioni di questa spiritualità e devozione”.
Con san Massimiliano Kolbe, sono molti, oggi, gli autori appartenenti a varie aree culturali che, superando categorie come “pietà mariana” o “devozione mariana”, parlano esplicitamente e propriamente di “spiritualità mariana”.

La spiritualità mariana non riguarda solo l’aspetto dottrinale della devozione alla Vergine, estendendosi anche all’esperienza esistenziale del fedele. Maria assume la funzione carismatica di guida alla comunione salvifica col Figlio nella comunione e nella mediazione sacramentale della Chiesa. È esperienza di configurazione a Cristo secondo l’esempio e con l’aiuto di Maria, che per prima ha vissuto questo itinerario di fede e che, come Madre, aiuta i figli della Chiesa a conformarsi al suo Figlio divino.