Home / Missione / Chi e con chi / Prigionieri

 ME STESSO               L'AMBIENTE               IL MONDO               MI OGGI: APPASSIONATI 
 PER IL MONDO 
             CHI E CON CHI               MEZZI 
 FAMIGLIE MI    |    GIOVANI MI    |    MISSIONARI AI PIEDI DELLA CROCE    |    PRIGIONIERI    |    ADOLESCENTI    |    BAMBINI    |    ADULTI
  SACERDOTI    |    RELIGIOSI    |    LAICI CONSACRATI


Ieri

“Da qualche tempo riceviamo lettere in cui ci si chiede di dare il via ad un’azione di assistenza spirituale in favore dei carcerati.
E così ho fatto l’abbonamento a diverse pubblicazioni cattoliche, e le ho consegnate al cappellano che ogni mese celebra la s. Messa nel carcere.
E questa attività non è stata infruttuosa, poiché proprio da quel carcere abbiamo ricevuto una lettera da parte di un detenuto pentito, arrestato nell'agosto 1925; in essa, tra l'altro, egli stesso si esprime nei seguenti termini:


“Qui in prigione mi è capitata per la prima volta tra le mani la rivista che voi, reverendi Padri, pubblicate e che è consacrata alla devozione alla Santissima Vergine Maria concepita senza peccato e, dopo aver letto gli esempi assai edificanti di pietà e devozione offerti sull'altare della Madre Santissima, ho desiderato ardentemente, io, uomo macchiato di peccati e di iniquità, di diventare un Suo milite”.

E conclude la propria confessione con un sincero proposito di miglioramento:

“Ardo dal desiderio di fare penitenza di tutta la mia vita passata, e non tralascerò, quando Dio misericordioso me lo concederà, di venire da lei, reverendo Padre, per chiederle il nutrimento spirituale.
Oggi le presento, reverendo Padre, una sola richiesta: mi permetta di diventare milite dell'Immacolata, di raccomandarmi alle preghiere dei fedeli, e spero che la Vergine Santissima otterrà la grazia per me da parte del Signore degli eserciti, mi tirerà fuori dalla miseria morale in cui il peccato mi ha fatto precipitare e mi concederà di diventare un suo devoto, mentre la Sua grazia non mi permetterà mai più di abbandonare la via della virtù e farà di me un credente e fedele figlio di Dio Padre”.

Quel milite dell'Immacolata, dunque, ha conseguito pienamente lo scopo della Milizia”. (SK 1121)

Oggi

In unione con san Massimiliano Kolbe che è stato prigioniero ad Auschwitz, la pastorale M.I. per le carceri desidera promuovere la dignità della persona, la riconciliazione, la fraternità e la preghiera tra i prigionieri attraverso la consacrazione all’Immacolata.
Questo servizio è in risposta all’invito di Gesù espresso nelle opere di misericordia corporale.

Negli Stati Uniti a Marytown questo servizio è cominciato nel 1996.
Vai al sito: http://miprisonministry.com